ACCONCIATORE

In queste pagine, è possibile verificare quali sono le autorizzazioni, le licenze o i documenti necessari per iniziare le più diffuse attività imprenditoriali e a quale Ente rivolgersi.
Si può effettuare la ricerca digitando un testo libero nel campo Ricerca per parola chiave oppure cliccando dall’elenco alfabetico la lettera iniziale dell'attività che interessa.
Nel caso in cui l'attività richiesta non fosse compresa nell'elenco o si volessero maggiori approfondimenti, si suggerisce di collegarsi all'applicativo nazionale ATECO, che è disponibile anche in ComUnica Starweb e consente ricerche per  "Elenco Attività", "Ricerca Attività" o "Ricerca Normative", indicando quali documenti o caratteristiche occorre possedere prima di iniziare legittimamente l'attività; nello stesso applicativo si trova anche il corretto codice ATECO/ISTAT della attività che s’intende iniziare.

Altre informazioni utili possono essere reperite:


Ricerca
- in ordine alfabetico

 

 

ACCONCIATORE

L'attività comprende tutti i trattamenti e i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l'aspetto estetico dei capelli, ivi compresi i trattamenti tricologici complementari, che non implicano prestazioni di carattere medico, curativo o sanitario, nonchè il taglio e il trattamento estetico della barba, e ogni altro servizio inerente o complementare. Si può svolgere anche unitamente a quella di estetista. Le imprese di acconciatura, possono svolgere prestazioni semplici di manicure e pedicure estetico. L'attività si può svolgere anche presso il domicilio dell'esercente.

AUTORIZZAZIONE Autorizzazione (previa abilitazione professionale rilasciata dalla Commissione Provinciale Artigianato)
ORGANISMO: Comune
LEGISLAZIONE: L. 17/8/2005 N.ro: 174, D.L. 31/1/2007 N.ro: 7. Documentazione Richiesta: DIA al Comune e possesso di requisito di qualificazione professionale riconosciuto dalla Commissione provinciale per l'Artigianato (art.10, comma 2, DL 31/01/2007, n.7). Per corsi per parrucchieri/acconciatrici vedi scuole.Iscrivibile all'Albo Imprese Artigiane: a condizione che il titolare o uno dei soci lavoranti sia in possesso del requisito professionale.
NOTE: L’attività di vendita alla propria clientela di cosmetici, parrucche e affini o altri beni accessori, non rientra nell’applicazione del d.lgs 114/1998 (art. 2 comma 5 L. 174/2005)
[ultimo aggiornamento: 22-09-2005]