Alternanza Scuola-Lavoro

La legge n. 107/2015 ha istituito il registro nazionale per l'alternanza  scuola-lavoro.

Il Registro ha lo scopo di favorire l’incontro tra le scuole e i soggetti ospitanti i percorsi di stage e, dunque, imprese, enti pubblici e privati. Vuole essere anche uno strumento di trasparenza, pubblicità e supporto delle politiche per l’occupazione

 “A decorrere dall'anno scolastico 2015/2016 è istituito  presso le camere di  commercio,  industria,  artigianato  e  agricoltura  il registro nazionale per l'alternanza  scuola-lavoro. Il Registro consta delle seguenti componenti:

 a) un'area aperta e consultabile gratuitamente in  cui  sono visibili le imprese e gli  enti  pubblici  e  privati  disponibili  a svolgere i percorsi di alternanza. Per ciascuna  impresa  o  ente  il registro riporta il numero massimo degli studenti ammissibili nonché i periodi dell'anno in  cui  è  possibile  svolgere  l'attività  di alternanza;  

b) una  sezione  speciale  del  registro  delle  imprese  di  cui all'articolo 2188 del codice civile, a cui devono essere iscritte  le imprese per l'alternanza  scuola-lavoro.

Il dirigente scolastico individua, all'interno del registro, le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili all'attivazione dei percorsi di formazione e  stipula apposite convenzioni anche finalizzate a favorire l'orientamento scolastico e universitario dello studente. 

 

Il Registro è tenuto attraverso strumenti informatici in forma digitale ed è costituito da due parti, indicate  come “componente a” e “componente b”:

  • componente a: sono iscritte le imprese e gli enti pubblici e privati che offrono percorsi di alternanza scuola-lavoro con indicazione per ciascuno di essi del numero massimo degli studenti ammissibili ed i periodi dell’anno previsti;
  • componente b: sono iscritte le imprese con indicazione delle informazioni previste dalla legge 107 del 17 Luglio 2015 per l’iscrizione alla sezione speciale “alternanza scuola-lavoro” del registro delle imprese.

 

L’iscrizione è aperta a tutte le imprese iscritte al registro delle imprese: società di capitali, società di persone, imprese individuali e altre forme.

Possono iscriversi al Registro enti pubblici e privati. Ci si riferisce in particolare a tutti quegli enti che non sono iscritti al registro delle imprese di cui all’articolo 2188 e seguenti del codice civile.

 

L’impresa che intende iscriversi al Registro deve presentare domanda d’iscrizione all’apposita sezione speciale “alternanza scuola-lavoro” in forma telematica, con firma digitale del legale rappresentante/titolare o delegato (amministratore, procuratore), tramite una pratica di Comunicazione Unica, all’ufficio registro delle imprese della Camera di Commercio nella cui circoscrizione territoriale ha sede l’impresa. Nel sito www.registroimprese.it sono presenti le istruzioni e i programmi informatici per la compilazione e la trasmissione telematica della domanda.

 

Consultazione delle informazioni

Area pubblica

In base all’articolo 1, comma 41, della legge 107 del 13 luglio 2015 il Registro sarà costituito da un’area aperta e consultabile.

Un’applicazione Web esposta in Internet garantisce libero accesso alle informazioni del Registro.

Area riservata agli istituti scolastici

Il dirigente scolastico, tramite opportuni codici di accesso rilasciati dalla Camera di Commercio oppure per via telematica tramite comunicazioni PEC, potrà accedere ad un’area Web riservata. All’interno di quest’area saranno disponibili ai fini dell’alternanza ulteriori informazioni di dettaglio non previste nella componente a) relative ad imprese ed enti pubblici e privati.

 

Per saperne di più:

- Linee guida per l’attuazione del Registro Nazionale Alternanza Scuola-Lavoro

- modello di autocertificazione

 

La piattaforma web è raggiungibile all’indirizzo scuolalavoro.registroimprese.it