Ambiente

MANUALE DI ATTIVAZIONE PER LA TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE ISTANZE

Trasmissione telematica delle istanze

AREA AMBIENTE - AVVISO

A partire dal 1 dicembre 2016, lo sportello osserverà il seguente orario: LUNEDI e MERCOLEDI dalle ore 10,00 alle ore 12,30

Modalità di pagamento:

Tipo Pagamento Bollettino Postale Bonifico Bancario Carta di Credito MAV Bancario Elettronico "On Demand" Telemaco Pay IConto Bollettino Postale Agenzia delle Entrate
Diritti di segreteria NO NO NO SI no
Bolli su procedimento NO NO SI NO SI no
Diritti annui di Iscrizione no no NO SI no
Bolli su provvedimento no no SI NO SI no
Tassa di Conc. Governativa no no no no no no si

Area Ambiente è il portale sugli adempimenti ambientali a carico delle imprese.
Il servizio è offerto dalla Camera di Commercio di Catanzaro e gestito da Ecocerved.

Su Area Ambiente sono disponibili:

  • Focus e Ultime Notizie, informazioni ambientali di rilievo nazionale e locale.
  • Contatti, numeri di telefono e indirizzi e-mail per informazioni o assistenza.
  • Agenda, scadenze amministrative e opportunità di formazione in calendario.
  • Statistiche e pubblicazioni, dati ed elaborati in materia ambientale.
  • Percorsi guidati, sistema esperto per orientarsi sugli obblighi di legge

NUOVO REGOLAMENTO

E' stato emanato sulla G.U. del 23 agosto 2014 n. 195 il D.M. 03 giugno 2014 n. 120 recante Regolamento per la definizione delle attribuzioni e delle modalità di organizzazione dell'Albo nazionale dei gestori ambientali, dei requisiti tecnici e finanziari delle imprese e dei responsabili tecnici, dei termini e delle modalità di iscrizione e dei relativi diritti annuali, che abroga e sostituisce il D.M. 28 aprile 1998 n. 406 cioè la norma che sino ad ora ha regolato il medesimo Albo, apportando numerose novità in materia.

DECRETO MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE: TERMINI DI RIAVVIO PROGRESSIVO DEL SISTRI

Il Decreto Legge 30 dicembre 2015 n. 310 (mille proroghe) ha modificato il DECRETO-LEGGE 31 agosto 2013, n. 101 stabilendo che fino al 31 dicembre 2016 al fine di consentire la tenuta in modalita' elettronica dei registri di carico e scarico e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati nonche' l'applicazione delle altre semplificazioni e le opportune modifiche normative continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonche' le relative sanzioni. 

Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis, commi da 3 a 9, e 260-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano. 
In sostanza quindi fino a tutto il 2016 si applica il cd. doppio binario che prevede la tenuta dei registri in modalità cartacea e, per gli obbligati, anche con il sistema informatico.

I SOGGETTI OBBLIGATI POSSONO ESSERE DISTINTI IN DUE GRUPPI:

  1. produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi con più di dieci dipendenti (inclusi quelli di cui all’articolo 212, comma 8 del D.lgs. 152/2006), enti e imprese che gestiscono rifiuti speciali pericolosi, per cui il termine iniziale di operatività è fissato al 1 ottobre 2013.Si tratta dei soggetti di cui all’articolo 3, comma 1 del D.M. 52/2011:
    - imprese e enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento rifiuti (c);
    - commercianti e intermediari di rifiuti (d);
    - consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti che organizzano la gestione di tali rifiuti per conto dei consorziati (e);
    - imprese e enti che raccolgono e trasportano rifiuti speciali a titolo professionale (nel caso di trasporto navale, l'armatore o il noleggiatore o il raccomandatario marittimo delegato)(f);
    - terminalista concessionario e impresa portuale ai quali sono affidati i rifiuti in attesa dell'imbarco o allo sbarco, in attesa del successivo trasporto, nel caso di trasporto intermodale marittimo di rifiuti (g)
    - responsabili degli uffici di gestione merci e operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, gli impianti di terminalizzazione e gli scali merci ai quali sono affidati i rifiuti, in attesa del successivo trasporto, nel caso di trasporto intermodale ferroviario di rifiuti.
  2. altri enti o imprese obbligati all’iscrizione il termine iniziale di operatività è fissato al 3 marzo 2014. Si tratta di:
    -i mprese e enti produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lett. c), d) e g) del D.lgs. 152/2006 con più di 10 dipendenti; per le imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero o smaltimento di rifiuti e che risultano anche produttori dei rifiuti di cui alla lettera g) citata sono tenuti ad iscriversi al Sistri anche come produttori indipendentemente dal numero dei dipendenti;
    - Comuni della Regione Campania, le imprese di trasporto dei rifiuti urbani e i centri di raccolta comunali o intercomunali della stessa Regione.
    Tali soggetti possono comunque utilizzare il Sistri su base volontaria dal 1 ottobre 2013 (termine iniziale di operatività per i soggetti del primo gruppo).

L’avvio del sistema è preceduto da una fase di verifica dell’attualità di dati e informazioni trasmesse e all’eventuale aggiornamento e riallineamento degli stessi e riguarda le imprese già iscritte. Tale fase si avvia il 30 aprile 2013 e deve concludersi entro il 30 settembre 2013 per le imprese che effettuano le attività individuate al punto 1 di cui sopra. Per le altre imprese le procedure di verifica e di allineamento devono essere avviate dal 30 settembre 2013 e concludersi entri il 28 febbraio 2014.

I soggetti comunque obbligati all’iscrizione e non ancora iscritti, dovranno farlo entro il 30 aprile 2013, se effettuano delle attività previste tra quelle di cui al punto 1, o entro il 30 settembre 2013 se effettuano delle attività previste tra quelle di cui al punto 2.

È previsto un regime transitorio nell’ambito del quale continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 190 (registri di carico e scarico rifiuti) e 193 (formulari) del D.lgs. 152/2006. Tale periodo transitorio termina il 31 ottobre 2013 (per i soggetti di cui al punto 1) e 2 aprile 2014 (per i soggetti di cui al punto 2).

Il versamento del contributo di iscrizione al Sistri è sospeso per l’anno 2013 per gli enti e imprese già iscritti alla data del 30 aprile 2013.

Si ricorda, infine, che per gli altri soggetti “residuali” è prevista una facoltà di iscrizione. Tra questi, si ricordano a titolo esemplificativo: le imprese ed enti produttori di rifiuti speciali non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lett. c) e d) del D.lgs. 152/2006 che non hanno più di dieci dipendenti, le imprese ed enti che raccolgono e trasportano i propri rifiuti speciali non pericolosi di cui all'articolo 212, comma 8 del D.lgs. 152/2006.

Nel caso tali soggetti decidano di non aderire al Sistri (in quanto non obbligati a farlo), il D.lgs. 152/2006 impone loro di continuare ad adempiere agli obblighi stabiliti dallo stesso in materia di dei registri di carico e scarico e di formulari di identificazione dei rifiuti.

Per iscriversile imprese devono comunicare con apposito modulo i seguenti dati:

  • ragione sociale
  • codice fiscale
  • categoria di iscrizione
  • rappresentante legale
  • delegato/i
  • sede legale
  • persona da contattare e recapito (indirizzo mail, numero di fax o di telefono)
  • numero dei dispositivi richiesti per i veicoli (solo quelli a motore)

secondo le seguenti modalità:

  • ON-LINE: collegandosi al portale Sistri(attivo 24 ore su 24 tutti i giorni della settimana)
  • VIA FAX: 800 05 08 63 (attivo 24 ore su 24 tutti i giorni della settimana)
  • NUMERO VERDE: 800 00 38 36 (attivo dalle 6 alle 22 nei giorni feriali, compreso il sabato, fino alla scadenza del termine previsto per l'iscrizione).

    Entro 48 ore dalla ricezione dei dati gli utenti riceveranno via mail o via fax o per telefono al numero indicato:

  • l'avviso di ricevimento della comunicazione inviata
  • il numero di iscrizione Sistri
  • la data ed il luogo dell'appuntamento per ritirare il dispositivo USB

Dopo l'iscrizione al Sistri l'impresa dovrà effettuare nel più breve tempo possibile il pagamento del contributo previsto per acquisire i dispositivi elettronici.

(*)decreto del Ministero dell'Ambiente 17 dicembre 2009 (Gazzetta Ufficiale serie generale n. 9 del 13/01/2010- supplemento ordinario n. 10)

(**)decreto del 15 febbraio 2010 e relativo allegato

Manuale utente SISTRI
E' disponibile sul sito del SISTRI, il Manuale Utente. Il Manuale è articolato in tre sezioni:

  • Dispositivi - descrive in modo sintetico l'utilizzo dei dispositivi USB, della Black box e degli impianti di Videosorveglianza
  • Procedure - descrive in sequenza le operazioni che devono effettuare gli "attori" del SISTRI: produttore, intermediario, trasportatore, conducente, gestore. Inoltre descrive alcune procedure particolari, quali quella della movimentazioni di rifiuti nel corso di attività di manutenzione, cantieri, micro raccolta, trasporto transfrontaliero
  • Guide - descrive l'uso del software, da parte dei produttori/detentori di rifiuti, trasportatori, gestori di impianti di trattamento. La descrizione del software è accompagnata da immagini delle schermate delle operazioni che vengono progressivamente effettuate sul software dai differenti attori.

Diritti di segreteria

  • per ogni dichiarazione su supporto cartaceo € 15,00
  • per ogni dichiarazione su supporto magnetico o telematico € 10,00

Il pagamento del diritto di segreteria deve essere effettuato tramite pagamento con bollettino postale a tre sezioni, su conto corrente n. 848887, intestato alla Camera di Commercio di Catanzaro oppure può essere pagato presso gli sportelli.

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti si rimanda al portale Sistri e al numero verde 800 00 38 36