IMPORTI

Il Ministero dello Sviluppo Economico con nota n. 432856 del 21/12/2018, ha formalizzato gli importi del diritto annuale per i soggetti che si iscrivono nel Registro delle Imprese e nel REA a decorrere dal 1° gennaio 2019.

Al riguardo, con proprio decreto del 22 maggio 2017, recante “Incremento della misura del diritto annuale per gli anni 2017 – 2018 e 2019”, e pubblicato sulla G.U. n. 149 del 28/06/2017, il Ministro dello Sviluppo Economico ha autorizzato la maggiorazione del diritto annuale del 20 per cento, per il finanziamento di progetti strategici.

Tale maggiorazione va applicata al montante già ridotto del 50% per effetto dell’art. 28 del D.L. 24 giugno 2014, n. 90 convertito, con modificazioni, con L. 11 agosto 2014, n.114) di progressiva riduzione del gettito del diritto annuale a decorrere dall’annualità 2015.

 

SCADENZE

Il termine di pagamento del diritto camerale coincide con il termine per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Per le imprese che si iscrivono o attivano unità locali nel corso dell'anno, il versamento deve essere effettuato al momento dell'iscrizione tramite lo sportello Telemaco o tramite modello F24 entro 30 giorni dalla presentazione della domanda di iscrizione o di annotazione.

Le imprese che operano a cavallo di due esercizi, ed approvano il bilancio dopo il 30 giugno, devono pagare il diritto annuale entro il termine della scadenza del 1° acconto delle imposte sui redditi.

 

MODALITA' DI PAGAMENTO

Modello F24

Il versamento va effettuato utilizzando il modello F24, sezione "Imu ed altri tributi locali". Come compilare correttamente il modello F24:

  • riportare negli appositi spazi, con la massima attenzione, il Codice Fiscale, i dati anagrafici e il domicilio fiscale;
  • ​indicare nella sezione del modello di versamento "sezione Imu ed altri tributi locali" ‐ nello spazio riservato al "codice ente locale" la sigla automobilistica della provincia della Camera di Commercio destinataria del versamento (nel caso della Camera di Commercio di Catanzaro indicare "CZ");
  • indicare nelle apposite colonne il codice tributo 3850 e l'anno a cui si riferisce il versamento;
  • ​per ciascuna provincia deve essere compilata una sola riga, sommando gli eventuali importi multipli destinati a quella provincia.

N.B. Il comma 49 dell’art. 37 del decreto legge 223/2006 convertito nella legge 248 ha stabilito l’obbligo, per i titolari di partita Iva, di effettuare i versamenti fiscali e previdenziali con modello F24 on‐line. Anche per il pagamenti del tributo camerale pertanto il versamento dovrà avvenire in via telematica (sito internet dell’Agenzia delle Entrate, tramite intermediari abilitati (commercialisti, consulenti, ecc.) o mediante home banking.

PagoPa

Il pagamento può essere effettuato anche attraverso la piattaforma PagoPA, iniziativa che consente a cittadini ed imprese di pagare in modalità elettronica la Pubblica Amministrazione.

diritto annuale