TRASPORTO TRANSFRONTALIERO NEL TERRITORIO ITALIANO: ISCRIZIONE ALL'ALBO GESTORI AMBIENTALI

Dal 25 dicembre 2010 devono iscriversi all'Albo Gestori Ambientali - secondo quanto disposto dall'articolo 17 del decreto legislativo 205/2010 - le imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri dei rifiuti in territorio italiano.

Con deliberazione n. 3/2010 il Comitato Nazionale dell'Albo Gestori Ambientali ha emanato d'urgenza le prime disposizioni che consentono alle imprese interessate di proseguire l'attività oggetto di iscrizione.

Per iscriversi l'impresa deve presentare:

  • modello di domanda compilato e sottoscritto dai legali rappresentanti dell'impresa
  • modello Rt del responsabile tecnico
  • autocertificazione della firma, in allegato al modello Rt, per ogni responsabile tecnico. Nell'attesa della definizione degli appositi requisiti, l'incarico di responsabile tecnico è assunto dal legale rappresentante dell'impresa. 

L'iscrizione è effettuata sulla base delle dichiarazioni rese dall'impresa nel modello di domanda e ne viene rilasciata contestuale ricevuta che consente all'impresa di operare, fermo restando l'esito della verifica della Sezione delle condizioni e dei requisiti richiesti e attestati con la domanda d'iscrizione. La ricevuta della domanda di iscrizione deve essere tenuta a bordo dei veicoli utilizzati per il trasporto dei rifiuti.

Il possesso delle condizioni e dei requisiti previsti per l'iscrizione deve essere dimostrato dall'impresa con la documentazione prevista dall'articolo 1, commi 6 e 7, deliberazione n. 3/2010, entro sessanta giorni dalla data di presentazione della domanda.  L'impresa deve dimostrare inoltre il possesso del requisito di capacità finanziaria previsto per le attività di raccolta e trasporto di rifiuti entro centoventi giorni dalla data di presentazione della domanda di iscrizione.

Ai sensi dell'articolo 12, comma 1 del decreto ministeriale 406/98 la domanda di iscrizione all'Albo deve essere presentata alla Sezione Regionale o Provinciale nel cui territorio è stabilita la sede legale dell'impresa o la sede secondaria con rappresentanza stabile (nel caso di impresa con sede legale all'estero).

Le imprese con sede legale all'estero e non dotate di sede secondaria in Italia presentano domanda di iscrizione ad una delle Sezioni regionali o provinciali dell'Albo a propria scelta e si conformano a quanto disposto dall'articolo 12, comma 1, decreto ministeriale 406/98 entro 120 giorni dalla data di presentazione della domanda di iscrizione.

L'istituzione della sede secondaria nel territorio di competenza di Sezione diversa da quella prescelta per la presentazione della domanda comporta il trasferimento dell'iscrizione presso la Sezione competente.

 

back