ALTRE INFORMAZIONI

La sicurezza generale dei prodotti immessi sul mercato è garantita dalla normativa comunitaria che tutela in maniera elevata e uniforme la salute e la sicurezza dei consumatori.

I produttori e i distributori di prodotti di consumo (non alimentari) devono informare le autorità nazionali competenti qualora sappiano che un prodotto da loro immesso sul mercato (per esempio un giocattolo, un elettrodomestico, un veicolo) presenta rischi per i consumatori (Direttiva 2001/95/CE, sulla sicurezza generale dei prodotti e Decisione 2004/905/CE del 14 dicembre 2004 sugli orientamenti da seguire per la denuncia della pericolosità e quali moduli utilizzare)

L'Unione europea (UE) ha istituito un sistema di allarme rapido per i prodotti che presentano un rischio grave (RAPEX), nonché disposizioni che consentono di ritirare dal mercato i prodotti che possono minacciare la salute e la sicurezza dei consumatori. (I prodotti alimentari e farmaceutici sono garantiti da altri sistemi d'intervento).

Sul sito web del Ministero delle attività produttive è disponibile un opuscolo informativo, intitolato “Notifica dei prodotti pericolosi da parte dei produttori e distributori.”

Una guida specifica sulla valutazione dei rischi è costituita dagli Orientamenti per la denuncia della pericolosità di generi di consumo alle autorità competenti degli Stati Membri da parte dei produttori e distributori, disponibile su:

http://ec.europa.eu/consumers/cons_safe/prod_safe/gpsd/guidelines_en.htm

Il Ministero Attività Produttive - Ufficio Sicurezza Prodotti - adotta dei provvedimenti restrittivi riguardanti il divieto di immissione sul mercato o la commercializzazione di prodotti, sulla base delle Direttive in tema di giocattoli, prodotti elettrici, compatibilità elettromagnetica, dispositivi di protezione individuale, nonché sicurezza generale dei prodotti

La Direzione Generale del Ministero delle Attività Produttive è, altresì, competente in materia di garanzie per l’acquisto di beni di consumo, disciplinata con D.Lgs. n. 24 del 2 febbraio

back