Categoria 2 bis

Trasporto dei propri rifiuti (produttori iniziali)
- art. 212, comma 8, D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.,DM n. 120/2014

NOVITA’ INTRODOTTE CON IL D.LGS N. 205/2010

L’ articolo 212, comma 8, del D. Lgs. 152/06, come modificato dall’articolo 25, comma 1, lettera c), del  D. Lgs. 205/10, prevede che le iscrizioni dei produttori iniziali di rifiuti non pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti, nonché le iscrizioni dei produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedente trenta chilogrammi o trenta litri al giorno devono essere rinnovate ogni 10 anni.

CHI SI DEVE ISCRIVERE

I produttori iniziali di rifiuti non pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti, nonche’  i produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto di trenta chilogrammi o trenta litri al giorno dei propri rifiuti pericolosi, a condizione che tali operazioni costituiscano parte integrante ed accessoria dell'organizzazione dell'impresa dalla quale i rifiuti sono prodotti.
(articolo 212, comma 8, decreto legislativo 152/2006, come modificato dall'articolo 25, comma 1, lettera c del decreto legislativo 205/2010)

 

DOVE PRESENTARE LA DOMANDA DI ISCRIZIONE, DI VARIAZIONE O DI CANCELLAZIONE DALL'ALBO

Per le imprese con sede legale dell'attività nella Regione Calabria la domanda dovrà essere presentata:

 

​MODULISTICA E PAGAMENTI PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE

  • modello di iscrizione compilato e sottoscritto con firma semplice dal titolare dell'impresa individuale o dai legali rappresentanti della società unitamente alle fotocopie dei documenti d'identità in corso di validità. Per la trasmissione telematica delle pratiche il bollo e i diritti di segreteria, pari ad € 10,00, devono  essere pagati secondo le procedure telematiche
  • Solo per i cittadini extracomunitari copia del permesso di soggiorno in corso di validità del legale rappresentante con dichiarazione sostitutiva di atto notorio di conformità all'originale.

Indicazioni per la corretta compilazione del modello di iscrizione:

Nella domanda devono essere indicati a pena di improcedibilità o di sospensione dell'istruttoria o di diniego parziale dell'iscrizione:

  • ATTIVITA': la/le attività svolte dall'impresa come dichiarate al Registro delle Imprese;
  • RIFIUTI: la natura (i codici cer) e le caratteristiche fisiche dei rifiuti prodotti dall'impresa come produttore iniziale.

Per produttore iniziale si intende l'impresa la cui attività ha prodotto il rifiuto in origine e non le imprese che hanno prodotto i rifiuti da attività di pretrattamento, miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione dei rifiuti stessi (vedi la circolare del Comitato Nazionale dell'Albo, n. 2059 del 19 dicembre 2008. Per l'indicazione dei codici cer da attribuire ai rifiuti è necessario consultare l'elenco europeo dei cer, come daallegato A-direttiva 9 aprile 2002 del Ministero dell'Ambiente (supplemento ordinario n. 102 della Gazzetta Ufficiale del 10/02/2002 ): nell'introduzione dell'allegato A è indicata la procedura per una corretta individuazione dei codici cer che deve essere sempre applicata con molta attenzione, rispettando la sequenza operativa prevista.
Si evidenzia che i codici cer di cui si chiede l'autorizzazione devono essere composti da 6 cifre che non devono terminare con .00 (ad esempio non possono essere richiesti codici cer di questo tipo: 17.04 , 18, 15.01.00).
L'utilizzo dei codici cer che terminano con le cifre99ha carattere residuale: non possono essere richiesti come "rifiuti non specificati altrimenti", ma devono essere adeguatamente descritti con descrizioni che non siano già specificate nell'elenco europeo dei cer.

Targhe dei veicoli: le targhe dei veicoli da utilizzare e le modalità di trasporto dei rifiuti.
Il trasporto dei rifiuti deve costituire parte integrante ed accessoria dell'organizzazione dell'impresa dalla quale i rifiuti sono prodotti.

DICHIARAZIONI AI SENSI DELL'ART. 85 DEL D.LGS 159/2005 (Codice antimafia)

1.    Autocertificazione antimafia A Modello di dichiarazione da utilizzarsi in sede di iscrizione e di rinnovo dell'iscrizione attestante la presenza dei soggetti di cui all'art. 85 del Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159

2.    Autocertificazione antimafia B Modello di dichiarazione da utilizzarsi in sede di rinnovo e di variazione dell'iscrizione dei soggetti di cui all'art. 85 del Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159

COSTI E MODALITA' DI PAGAMENTO

Diritto annuale

Deve essere pagato al momento dell'iscrizione e poi ogni anno entro il 30 aprile.

L'importo da versare è di Euro 50,00 da effettuarsi telematicamente.

L'importo può essere cumulato ad ulteriori pagamenti di diritto annuale per altre categorie.

Nel caso di richiesta di cancellazione dall'Albo l'impresa è comunque tenuta al pagamento del diritto annuale per l'anno in corso.

Al momento dell’iscrizione il diritto annuale dovuto è calcolato in dodicesimi

Diritti di segreteria

Tipo Pagamento Bollettino Postale Bonifico Bancario Carta di Credito MAV Bancario Elettronico "On Demand" Telemaco Pay IConto Bollettino Postale Agenzia delle Entrate
Diritti di segreteria NO NO NO SI no
Bolli su procedimento NO NO SI NO SI no
Diritti annui di Iscrizione no no NO SI no
Bolli su provvedimento no no SI NO SI no
Tassa di Conc. Governativa no no no no no no si

Per le cooperative sociali gli importi sono ridotti del 50%

Dal 1 luglio 2008, in base al decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 16 giugno 2008, gli importi sono cambiati e risultano i seguenti:

Iscrizione:

  • Società di persone, società di capitali, consorzi, Imprese individuali e Soggetti R.E.A. Euro 10,00
  • Cooperative Sociali Euro 5,00

Variazione:

  • Società di persone, società di capitali, consorzi, Imprese individuali e Soggetti R.E.A. Euro 10,00
  • Cooperative Sociali Euro 5,00

Cancellazione dall'Albo:
Non è dovuto il pagamento del diritto di segreteria

Tassa di concessione governativa

Il rilascio del provvedimento di iscrizione comporta il pagamento della Tassa di Concessione Governativa

L'importo è di Euro 168,00 da versare su conto corrente postale 8003, tramite bollettino a tre sezioni o su fac-simile disponibile presso gli uffici postali (codice tariffa: 8617) intestato ad Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO:

  • art. 212, decreto legislativo n. 152/2006, prima delle modifiche apportate dal decreto legislativo 205/2010
  • delibera del Comitato Nazionale dell'Albo n. 1 del 26 aprile 2006
  • delibera del Comitato Nazionale dell'Albo n. 1 del 4 luglio 2007
  • decreto legislativo n. 4 del 16 gennaio 2008 in vigore dal 13 febbraio 2008
  • delibera del Comitato Nazionale dell'Albo n. 1 del 3 marzo 2008
  • circolare del Comitato Nazionale dell'Albo n. 2059 del 19 dicembre 2008
  • legge n. 205 del 30 dicembre 2008 in vigore dal 31 dicembre 2008
  • D.M. n. 120/2014

Modulistica